Trasloco: come organizzarlo semplicemente!

Sommario: Se stai per affrontare un trasloco, sai bene che gestire tutto le cose da fare può essere causa di stress. Tuttavia, con la giusta organizzazione si può fare, anche se può non sembrare facile.

Continua a leggere la nostra guida in cui troverai tanti suggerimenti che ti aiuteranno a prepararti al meglio per il trasferimento nella tua nuova abitazione.

Trasloco: come organizzarsi e quali sono le cose da fare?

Quando ti trasferisci in una nuova casa, la prima cosa da fare è creare un programma temporale dettagliato che ti aiuterà ad organizzare tutte le tue attività e a monitorare i tuoi progressi.

Ecco qualche trucco che ti aiuterà a organizzarti al meglio:

  1. Fai una lista delle cose da fare dividendo in due categorie: prima e dopo il trasloco. In questo modo potrai dare priorità alle diverse attività in base alla loro importanza e difficoltà e in più impostare i tempi appropriati per ogni compito specifico. In questo modo, avrai un’idea chiara di ciò che deve essere fatto e sarai in grado di concentrarti una cosa alla volta senza dimenticare nulla.
  2. Preparati in anticipo. Non aspettare l’ultimo momento per preparare tutti i tuoi pacchi: una settimana prima del trasloco è perfetto. Per eliminare lo stress da trasloco, due o tre settimane prima dell’imballaggio, ti suggeriamo di eliminare tutti gli oggetti superflui che non si sposteranno con te nella tua nuova casa.
  3. Organizza il tuo trasloco stanza per stanza.
  4. Etichetta. Crea un sistema per tenere traccia di tutte le tue cose in modo da non arrivare nella tua casa nuova e renderti conto che non riesci a trovare qualcosa e devi aprire tutte le scatole. Etichetta il contenuto di ogni scatola e conserva una lista di controllo corrispondente per un facile riferimento.
  5. Controlla le utenze e informa il tuo attuale fornitore di energia del tuo trasloco con un preavviso di almeno 48 ore. In base alle diverse situazioni potrai traslocare le utenze luce e gas secondo diverse modalità che vedremo più avanti. Infatti, è importante spostare o chiudere tutte le vostre utenze ed effettuare la disdetta luce e gas; se lasciate la casa ad un altro inquilino, potrebbe essere necessario fornire i dati contrattuali per effettuare la voltura contatore o il subentro contatore.

Trasloco, come fare con le utenze luce e gas? Quali vanno trasferite e quali vanno sottoscritte nuovamente?

Quando pensi a tutte le cose da fare durante un trasloco, la gestione delle tue utenze domestiche potrebbe essere una di quelle attività che rimane in fondo alla lista delle cose da fare.Tuttavia, ti consigliamo di muoverti in anticipo al riguardo, per non rischiare di rimanere senza energia elettrica o gas i primi giorni che tu e la tua famiglia trascorrerete nella nuova casa.

Se vuoi effettuare il trasloco delle tue utenze di luce e gas dovrai:

  • chiudere il contatore nella precedente abitazione
  • inoltrare al tuo fornitore una richiesta di attivazione utenze per la tua nuova casa

In alternativa, il trasloco può essere un’opportunità per effettuare il cambio fornitore luce gas, e scegliere un venditore con tariffe più convenienti che ti consentono di ottenere un risparmio luce gas. Per questo motivo ti suggeriamo di confrontare i vari fornitori presenti nel Mercato Libero e scegliere quello più vicino alle tue esigenze.

In ogni caso, ecco le possibili operazioni da fare:

Allaccio

È l’operazione necessaria in caso di nuova costruzione, in cui non è presente l’impianto per collegarsi alla rete di distribuzione locale e si deve provvedere alla posa del contatore. Per effettuare l’allaccio e l’attivazione delle utenze luce e gas durante il trasloco, dovrai contattare un fornitore energetico a scelta nel Mercato Libero.

Subentro Luce e gas

Se ti stai spostando in una casa già abitata in cui l’inquilino a disattivato le utenze potrai eseguire con questa procedura. TI basterà comunicare con il tuo fornitore e iniziare le pratiche per la gestione di un nuovo contratto.

Voltura Luce e gas

Questa è la procedura da richiedere quando la fornitura dell’energia elettrica o di gas della casa in cui stai traslocando risulta già attiva con contratto del precedente proprietario dell’abitazione. Quindi attraverso la voltura puoi effettuare il cambio intestatario del contratto di luce e gas.

In ogni caso, se vuoi approfondire questo argomento ti suggeriamo la lettura dei nostri articoli dedicati a trasloco voltura subentro, allacciamento contatore e attivazione contatore.

Trasloco: chi lo può fare?

Senza dubbio, traslocare è un’attività che non piace a nessuno e molto spesso i proprietari di casa sottostimano la mole di oggetti, suppellettili ed effetti personali di ogni genere da spostare. Questo può diventare spiacevole e trasformare un bel momento di cambiamento in un periodo di forte stress.

Tuttavia, come abbiamo visto precedentemente, con una buona organizzazione è possibile traslocare in autonomia. In alternativa, potrebbe essere utile rivolgersi ad una ditta specializzata in traslochi, specialmente se devi spostare mobili pesanti, oggetti fragili e di valore come un pianoforte, o percorrere diversi chilometri per raggiungere la tua nuova casa.

Di seguito, vogliamo illustrarti quali sono i passaggi da effettuare in caso di trasloco autonomo o con ditta specializzata in questo servizio.

Traslocare autonomamente: cosa fare e a cosa fare attenzione

Se la casa in cui dovrai traslocare si trova nella tua stessa città, potresti pensare di noleggiare un furgoncino per il trasporto dei tuoi effetti personali e farti aiutare dai tuoi amici. In ogni caso, potrai svolgere in autonomia alcune semplici operazioni. Per esempio:

  1. Preparare le scatole con gli oggetti da spostare. Come abbiamo detto precedentemente, è conveniente iniziare dieci giorni prima del giorno del trasloco. Ti suggeriamo di non scegliere scatoloni troppo grandi difficili da trasportare e di non riempirli troppo poiché possono sfondare il cartone.
  2. Imballaggio. Se all’interno della scatola si formano vuoti, è opportuno colmare gli spazi con giornali appallottolati e utilizzare del pluriball per gli oggetti fragili. Gli scatoloni devono essere ben chiusi con scotch da pacchi ed etichettati per sapere il contenuto di ognuno di essi.
  3. Gestione delle utenze. Come abbiamo visto quando cambi casa non dimenticare di pensare anche alle tue utenze energetiche. In base allo stato del tuo contatore potresti aver bisogno di una voltura o un subentro. Se vuoi risparmiare sulla bolletta luce gas, non aspettare l’ultimo momento!

Affidarsi ad una ditta specializzata

Per un trasloco di qualità, la scelta migliore è affidarsi ad una ditta con esperienza consolidata e con un team specializzato. In generale, i servizi più richiesti sono i seguenti:

  • montaggio, imballaggio, trasporto e montaggio di mobili
  • trasporti eccezionali
  • noleggio di attrezzature e autoscale
  • deposito mobili, documenti e archivi per conservare tutti i tuoi beni in fase di trasloco

Come per un trasloco in autonomia, anche in questo caso i passaggi da effettuare sono gli stesso, con la differenza che spetta all’impresa scelta fornire tutti gli scatoloni necessari anche di varie dimensioni. Inoltre la ditta si occuperà di tutta la parte burocratica riguardante i permessi necessari per l’occupazione del suolo pubblico, perché il giorno del trasloco dovrà posizionare il proprio camion su strada ed eventualmente il montacarichi per trasferire scatoloni, mobili ed elettrodomestici attraverso il vostro balcone.

Ecco 5 motivi per cui vale la pena affidarsi ad una impresa per il tuo trasloco:

  • zero stress e massima efficienza
  • minor rischio di danni
  • gestione degli imprevisti
  • tempistica veloce
  • consigli su questioni burocratiche come i documenti per il cambio residenza.

Quanto costa un trasloco?

Se hai deciso di rivolgerti ad una impresa specializzata in traslochi, la prima cosa che vorrai conoscere probabilmente è quanto cosa un trasloco. Devi sapere che questo dipende da tanti fattori, vale a dire:

  1. quantità e dimensione degli oggetti da spostare
  2. necessità di montacarichi
  3. distanza tra la vecchia e la nuova abitazione

Ricorda di non valutare solo il costo, ma anche i servizi offerti dall’impresa. Ad ogni modo, ti suggeriamo di richiedere più preventivi in modo da avere una idea generale di quali sono i costi per ogni servizio e scegliere il migliore secondo le tue esigenze e possibilità.

Come instaurare rapporti con i vicini dopo il trasloco?

Se hai affittato o acquistato una nuova casa e ti sei trasferito di recente, probabilmente sei entusiasta della tua casa, della tua nuova vita, dell’ambiente e del quartiere.
Tuttavia, per farti sentire a casa dovresti trovare il modo migliore per conoscere i vicini. Ecco qualche suggerimento per rompere il ghiaccio: presentati, fai domande ed organizza un aperitivo d’incontro.

Per mantenere educazione e rispetto inoltre, il nostro consiglio è di avvisare i condomini del vecchio e del nuovo indirizzo a proposito del tuo trasloco.

Come cambiare la residenza dopo il trasloco

La prima cosa che devi sapere è che la domanda di cambio residenza la puoi fare solo in seguito alla firma del contratto di locazione o di acquisto dell’immobile. Fatto questo, i passi da fare sono semplici:

  • compilare l’apposito modulo di residenza in tutte le sue parti
  • comunicare all’ufficio Anagrafica presente nel comune in cui ti stai spostando

Inoltre, ti ricordiamo che insieme al modulo dovrai allegare:

  • documento di identità in corso di validità
  • titolo di studio e la qualifica professionale dello stesso
  • comune di provenienza
  • dati catastali dell’abitazione e il contratto sottoscritto
  • nuovo indirizzo di residenza
  • indicazioni anagrafiche dei componenti familiari (se si sposta l’intero nucleo familiare)

Quali sono le tempistiche medie di un trasloco completo

Come abbiamo visto per un trasloco perfetto occorre tempo ed una buona organizzazione. Per definire le tempistiche medie di un trasloco, la prima cosa da considerare è la quantità di roba da spostare e la distanza da affrontare. In ogni caso, la cosa più importante è affrontare tutto con una buona preparazione senza preoccupazione.

Come detto inizialmente, il consiglio migliore per non perdere tempo è programmare bene tutte le attività e le giornate, dividete i compiti e fatevi aiutare dagli amici o da una ditta specializzata ed in mezza giornata avrete traslocato!

Infine, ti ricordiamo che le operazioni di allacciamento, subentro e voltura sono soggette a determinate tempistiche e costi.
Per saperne di più al riguardo, ti consigliamo di visitare il sito dell’Autorità di Regolazione per Energia,Reti e Ambiente in questa pagina.

Aggiornato su 28 Feb, 2022

redaction La redazione di papernest.it
Redactor

Matteo Bono

Redattore Energia

Commenti

bright star bright star bright star bright star grey star

En savoir plus sur notre politique de contrôle, traitement et publication des avis